Woolaroo

Ideata insieme a Google Art & Culture è una delle ultime soluzioni tecnologiche e creative pensata in supporto alle organizzazioni linguistiche. La piattaforma open-source nasce con l’intento di preservare le lingue tramite l’ausilio di Vision AI.

La situazione delle lingue oggi

In un mondo che viaggia veloce, le lingue giocano un ruolo fondamentale nella preservazione e diffusione della cultura e del patrimonio culturale mondiale. Ma il mondo non ha mai viaggiato così velocemente come oggi e delle 7mila oggi utilizzate, sono quasi 3mila che rischiano l’estinzione.

Woolaroo alla riscossa

La piattaforma open-source si occupa principalmente di foto-traduzione grazie al machine learning e al riconoscimento delle immagini. Costruita su Google Cloud, Woolaroo incoraggia gli utenti a scoprire e inglobare le lingue oggi in via di estinzione. Come? Gli utenti possono ascoltare grazie all’app il nome e la pronuncia di un qualsiasi oggetto fotografato col proprio dispositivo.

Da bambini, in fondo, abbiamo imparato così a parlare: con i nostri genitori che ci indicavano un oggetto con il suo nome nella nostra lingua madre. Woolaroo segue lo stesso principio: l’apprendimento delle lingue grazie al coinvolgimento e il contesto. Ad oggi, l’app è stata lanciata in 10 lingue tra cui il greco-calabro, il siciliano e il maori.

Da dove arriva Woolaroo?

Ideata dal team di Partner Innovation e Google Arts & Culture, questi hanno inviato un appello diretto a Google per scoprire quali sono le lingue meno conosciute e parlate dai dipendenti. Ciò ha reso possibile la creazione di speciali vocabolari contenenti traduzioni non solo corrette ma anche coerenti.

Ma come funziona?

Come anticipato, Woolaroo utilizza Google Cloud Vision API che è in grado di ottenere informazioni sia tramite AutoML che modelli modelli appositamente addestrati per riconoscere immagini e categorie predefinite. L’impiego di AutoML permette non solo di automatizzare l’addestramento dei modelli di machine learning, ma anche l’utilizzo dell’AI accessibile a più persone.

In questo modo, qualsiasi persona o organizzazione può utilizzare Woolaroo con l’intento di supportare una lingua che potrebbe rapidamente sparire dal nostro mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here