Monolocale

Spesso proposti a prezzi folli, nonostante le loro condizioni e la loro piccolezza, i monolocali hanno rappresentato per molti anni il compromesso per poter vivere in centro città.  Meno costosi dei grandi appartamenti posti nella stessa zona, rappresentano però oggi una scelta che ha perso gran parte del suo fascino. Il motivo? Il lockdown. Costretti in casa, gli italiani hanno iniziato a constatare i vantaggi degli ampi spazi anche nella propria realtà abitativa, magari contornata da giardini e ambienti esterni.

Non si cercano solo case più grandi. C’è chi pensa a come poter allargare la propria, guardando a un futuro in cui lo smart working sarà sempre più realtà. Tra le possibilità offerte dal telelavoro c’è sicuramente quella di poter vivere praticamente ovunque, lavorando da casa. Ed è la scelta che stanno operando molti italiani del Sud che prima lavoravano in aziende del Nord. La possibilità di un minor costo della vita, stando vicino alle persone care abitando anche in una casa più grande sono i contorni di un nuovo fenomeno denominato “South working”.

Dati alla mano

Nel gennaio 2021 è stata Tecnocasa ad effettuare un’analisi accurata della domanda. Da questa fotografia si evince come il trilocale sia la tipologia più richiesta, con il 40,5%. Seguono il quadrilocale, con il 24% e il bilocale, con il 23,1% delle scelte. Solo il 3,8% oggi sceglie un monolocale nelle grandi città, da sempre il loro cavallo di battaglia. Facendo un rapido calcolo, è facile constatare come nelle province e nelle piccole città tali scelte abitative siano anche più in calo.

Le conseguenze

Con le preferenze di mercato così radicalmente cambiate, c’è da aspettarsi nel prossimo futuro un calo dei prezzi senza precedenti. Viene da chiedersi se il cambiamento in atto perdurerà nel tempo è se invece sarà limitato a questo periodo. È probabile che alla fine, dopo aver provato le potenzialità degli spazi più ampi e i disagi di quattro mura troppo strette, difficilmente il monolocale tornerà ai prezzi e ai fasti pre-lockdown.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here