sicurezza sul lavoro

La salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro sono temi su cui si tende a insistere sempre di più. Con le sfide del mondo moderno, mantenere alti i livelli di sicurezza e i luoghi totalmente a norma è sempre più complicato. Ma presto, ben prima di quanto possiamo immaginare, tutto potrebbe cambiare grazie a speciali robot umanoidi.

Il progetto

Si chiama ergoCub e, appena varato, durerà per ben tre anni. Il progetto è nato dalla collaborazione tra IIT (Istituto Italiano di Tecnologia) e l’Inail (Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro). L’obiettivo? Migliorare l’interazione tra umani e androidi grazie all’impiego di speciali tecnologie indossabili. Grazie a queste, gli androidi potranno monitorare i nostri movimenti, tenendo sott’occhio parametri vitali quali la temperatura corporea, il battito cardiaco, il livello di ossigenazione nel sangue.

ErgoCub prevede anche l’impiego di una speciale pelle artificiale sugli androidi, che saranno così capaci di trasmettere già solo con le proprie espressioni al lavoratore stati d’animo quali sicurezza, preoccupazione o allarme.

L’importanza della robotica

Un progetto con questi presupposti non fa che confermare l’importanza dell’utilizzo della tecnologia androide, dimostrandone le potenzialità al di fuori di romanzi distopici e racconti di fantascienza. Se il progetto dovesse farsi portavoce di dati incoraggianti, non si potrebbe escludere l’impiego degli androidi per migliorare la sicurezza negli ambienti di lavoro.

Rimanendo nel campo delle ipotesi plausibili, questa tecnologia potrebbe consentire di creare rapidamente le condizioni ideali di sicurezza in qualsiasi ambiente di lavoro. Gli androidi potrebbero avvisarci di un calo di pressione, di un innalzamento dei livelli di stress, o anche semplicemente consigliarci di fare una pausa dopo molte ore su un progetto o su una particolare attività. Potrebbero addirittura essere considerati dei salvavita, visto il monitoraggio costante dei parametri vitali dei lavoratori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here