OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La regione tedesca della Baviera è conosciuta come uno dei poli industriali più fiorenti d’Europa, con la fabbrica automobilistica BMW come fiore all’occhiello. Eppure, visto che il calcio è cultura e fa più tendenza di una qualsiasi vettura, il simbolo attuale della prosperità di questo Land tedesco è, senza dubbio, il Bayern Monaco, un autentico modello di istituzione calcistica. L’Allianz Arena, primo stadio nel mondo a prendere il nome di uno sponsor, è la sua casa ed è anche il fiore all’occhiello dell’eccellente programmazione finanziaria della società bavarese, nonostante l’utilizzo sia in ‘condominio’ con il Monaco 1860, l’altra compagine della città tedesca.

Luci nella notte

Da molti definito il ‘Gommone’ per via della sua forma che ricorda un’imbarcazione gonfiabile ed anche un pneumatico allungato, l’Allianz Arena possiede una peculiarità non indifferente: durante la notte, mentre il suo intestino brontola di cori e di sensazioni, si illumina di vari colori, come fosse un camaleonte. La caratteristica più accattivante dello stadio bavarese è proprio la sua brillantezza colorata, sinonimo di vitalità e di dinamismo cromatico. Durante gli incontri della nazionale tedesca, infatti, l’Allianz prendeva addirittura i colori della bandiera teutonica, sfoggiando una affascinante alternanza orizzontale di nero, giallo e rosso. Quando, invece, a giocare è il Monaco 1860 le luci esterne sono di un colore azzurro cielo.

Bellezza e funzionalità

Chiunque guardi anche solo da lontano l’imponenza dell’Allianz Arena ne resta subito positivamente impressionato. Oltre per la sua perfetta forma a mo’ di bomboniera, si tratta di uno stadio organizzato al di là del calcio. Una sorta di attrazione turistica che richiama bavaresi e stranieri, che si spostano facilmente nella zona nord di Monaco per poter non solo contemplare la bellezza della struttura e la perfezione del suo manto erboso, quant’anche per usufruire dei molteplici servizi messi a disposizione per chiunque intedesse passare qualche ora nelle vicinanze. Esiste altresì la possibilità di affittare le sale interne per organizzare vari tipi di eventi, sempre che questi non coincidano con le partite. Anche l’accesso per chi non è munito di automobile è semplicissimo: la fermata della metro di Fröttmaning è sita a pochi metri dallo stadio, del quale ricalca anche lo stile.

Un modello per il futuro

Allestito e costruito dagli architetti svizzeri Herzog e De Meuron, che hanno poi preso ispirazione nella composizione finale del Nido d’uccello di Pechino, lo stadio bavarese è diventato l’archetipo della struttura calcistica a tutto tondo. Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, si è detto un grande estimatore della struttura tedesca e il suo sogno sarebbe quello di poter ripetere qualcosa di simile nella città partenopea. In soli 9 anni, l’Allianz Arena ha già fatto la storia. Adesso si prepara a vivere il presente e, soprattutto, a tracciare la strada per il futuro.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here