Wikipedia

Il progetto dell’Enciclopedia Libera è sempre stato ambizioso. Wikipedia Foundation (l’azienda no profit che fa capo a Wikipedia) ha sempre portato avanti i suoi ideali di libertà informativa gratuita ed esente da pubblicità. Negli anni, per mantenere questo statuto, Wikipedia Foundation ha continuato il suo lavoro grazie alle donazioni dei suoi utenti. Ma la situazione finanziaria, che riguarda in primis la gestione dei server, si è fatta sempre più difficoltosa. All’alba di questo nuovo decennio Wikipedia ha deciso di attuare una rivoluzione e lanciare un servizio a pagamento denominato Wikimedia Enterprise.

Il progetto commerciale di Wikipedia

Previsto nel corso del 2021, Wikimedia Enterprise riguarderà le aziende che intendono riutilizzare i dati di Wikipedia. Sono anni, infatti, che i servizi offerti da grandi aziende (da Apple fino ad Amazon) sfruttano le informazioni di Wikipedia per servizi come Alexa e Siri. A gestire Wikimedia Enterprise sarà la nuova consociata Wikimedia LLC che sta attualmente trattando con le grandi aziende della Silicon Valley. La natura dell’accordo riguarderà contenuti “snapshot”, ovvero anteprime aggiornate di tutti i dati contenuti sulla piattaforma, già ottimizzati per essere fruibili su qualsiasi dispositivo. Essendo un lavoro lungo e costoso, Wikipedia ha deciso per la prima volta di farsi pagare dalle grandi aziende.

Fino ad ora, come sappiamo, il sito ha promosso una fruibilità dei suoi contenuti totalmente gratuita anche per quanto riguarda la condivisione, sempre concessa con licenza libera. Le aziende che ne facevano uso non erano richiamate ad alcun compenso economico, comunque gradito in uno spirito di sostenibilità. Wikipedia è comunque conscia che la manovra non porterà a una totale autonomia dell’enciclopedia libera, che continuerà quindi a sopravvivere con le donazioni dei suoi utenti.

Situazione attuale

Wikipedia è stata capace di sopravvivere fino ad oggi grazie alle donazioni del 2% dei propri utenti. Una percentuale irrisoria se confrontata con le oltre 51 milioni di voci disponibili in circa 300 lingue. Wikimedia Enterprise punterà dunque a far raggiungere una maggiore stabilità all’intero sito. La domanda ultima è se e quanto i giganti del web saranno disposti a pagare per utilizzare (e sostenere) le informazioni dell’Enciclopedia online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here