Gli Stati Uniti ammoniscono Israele dopo un attacco sferrato contro i rifugiati ONU. Il raid infatti, si è tenuto contro un centro dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per rifugiati. Arrivata prontamente la risposta da parte della Casa Bianca:

“sostengono fermamente il diritto a difendersi contro i terroristi di Hamas che si nascondono tra la popolazione civile, ma Israele mantiene la responsabilità di proteggere i civili e i siti umanitari”.

Lo ha detto la portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americano Adrienne Watson. In una nota, si legge:

“Siamo seriamente preoccupati per le notizie di attacchi che hanno colpito una struttura dell’Agenzia dell’Onu per i rifugiati palestinesi (Unrwa), con conseguenti segnalazioni di incendi nell’edificio, in un quartiere nel sud di Gaza dove si sarebbero rifugiati più di 30.000 palestinesi sfollati”.

“Anche se non disponiamo ancora di tutti i dettagli su quanto accaduto e continueremo a cercare ulteriori informazioni sugli incidenti di oggi – prosegue il testo – la perdita di ogni vita innocente è una tragedia. Questo conflitto ha già provocato la morte e il ferimento devastanti di decine di migliaia di civili palestinesi, e piangiamo ogni singola vita civile che è andata perduta. È straziante vedere i bambini uccisi, feriti e resi orfani”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here