L’immagine, diffusa sui social dalla madre di Denise, Piera Maggio, mostra l’aspetto che potrebbe avere oggi la bambina scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo. Sono trascorsi 17 anni, ma il tempo non ha scalfito la speranza e il desiderio di Piera Maggio di riabbracciare sua figlia. 

Denise a 21 anni

<iframe src=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fmaggiopietra%2Fposts%2F10227073608767914&show_text=true&width=500″ width=”500″ height=”691″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no” frameborder=”0″ allowfullscreen=”true” allow=”autoplay; clipboard-write; encrypted-media; picture-in-picture; web-share”></iframe>

Questo il post diffuso da Piera Maggio che ci mostra l’aspetto che oggi potrebbe avere Denise. La madre però ci tiene a precisare che si tratta di un’immagine di ricostruzione. 

“Il nuovo invecchiamento è stato realizzato su commissione dalla dott.ssa Paloma Joana GALZI, Forensic Imaging Specialist, Alexandria VA, US. attraverso le foto originali di Denise, dei genitori e del fratello.”

L’Italia intera, insieme a Piera Maggio, non ha mai smesso di sperare nel ritorno a casa di Denise. Da molti definita “figlia di tutti gli italiani”, il caso non ha mai smesso di suscitare interesse e indignazione. Sul caso, infatti, incombe la possibilità dell’archiviazione. Si deciderà il 23 novembre, ma il web insiste affinché le nuove indagini non vengano archiviate. Anche la famiglia della piccola ha formalmente depositato una richiesta di opposizione all’archiviazione, che vede coinvolti la prima figlia del compagno di Piera Maggio, Anna Corona  e Giuseppe della Chiave, nipote del testimone Battista della Chiave (oggi deceduto) che avrebbe visto Giuseppe con in braccio la piccola al momento della sparizione. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here