Giovani

A questa domanda tenta di rispondere un sondaggio indetto da Costa Crociere in collaborazione con Enea. Il volere dei giovani è chiaro: più attenzione ai comportamenti ecosostenibili da parte di tutti, in primis da aziende e istituzioni.

Il sondaggio

Il sondaggio di Costa Crociere in collaborazione con Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) si rivolge direttamente ai giovani che hanno partecipato al progetto “Guardiani di Costa”, avviato nel 2017 e rinnovato anche per l’anno scolastico 2020/2021. Il progetto viene descritto come “educativo innovativo e coinvolgente, che si inserisce all’interno del percorso didattico delle scuole, offrendo gratuitamente risorse digitali create ad hoc da un team di biologi marini ed esperti di robotica sui temi della biodiversità nel Mediterraneo, del cambiamento climatico e dell’inquinamento marino.”

Il sondaggio che ne è derivato è stato svolto dal 24 al 6 giugno 2021 e prende in esame le risposte di circa 2mila studenti.

Le risposte

Il quadro è chiaro: ben 9 studenti su 10 hanno infatti espresso il desiderio che le aziende e le istituzioni si impegnino di più nell’applicazione di quelli che sono gli Obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dalle Nazioni Unite. 

Se ciò non dovesse bastare per far rendere conto di come i giovani siano particolarmente sensibili alle tematiche riguardanti la sostenibilità ambientale, lo stesso numero di studenti (9 su 10) si dicono preoccupati per le problematiche riguardanti il riscaldamento globale e preferirebbero soluzioni di economia circolare rispetto a quelle di economia lineare. 

Attenzione anche per l’ambiente marino: 8 studenti su 10 ritengono che proteggerlo sia fondamentale e vogliono essere coinvolti attivamente e chiedono, dunque, che vengano interpellate le rappresentanze giovanili per le decisioni future sul nostro pianeta. L’80% degli intervistate si dimostra altresì fiducioso del tempo a disposizione per la salvezza delle coste e del mare. 

Nello specifico, il 92% dei Guardiani della Costa vuole che il Paese adotti una specifica Legge italiana sul Clima in linea con la Legge europea sul Clima. Richiedono inoltre più ore di educazione ambientale nelle scuole. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here