Nissan

Auto più leggere, più scattanti e più ricche di dotazioni tecnologiche. Questa la prova in cui è riuscita la casa automobilistica Nissan col nuovo modello della sua vettura Qashqai. Un traguardo raggiunto soprattutto grazie all’ecosostenibilità nella produzione dei fogli di alluminio.

La sostenibilità: un vantaggio non solo per il pianeta

Un risultato che non sarebbe stato possibile senza un forte investimento. E infatti Nissan non ha badato a spese. Ben 52 milioni di Sterline sono state investite nello stabilimento di Sunderland (UK), specificamente per la lavorazione e la produzione dell’alluminio delle sue vetture.

Il risultato? Lamiere formate da un alluminio incredibilmente leggero, capace di rendere la carrozzeria della vettura (in questo caso, il nuovo Qashqai) più leggero di 60 kg. Ciò si traduce in termini di efficienza per la vettura stessa, anche grazie all’aggiunta degli ultimi ritrovati della tecnologia, oggi in gran numero grazie al minor ingombro delle lamiere. Tecnologia anch’essa più green, visto che si tratta dei nuovi propulsori elettrificati.

L’investimento ha riguardato principalmente una seconda linea di presse extra-large, insieme a un nuovo impianto di separazione a ciclone utilizzato per il riciclaggio dell’alluminio. Grazie alla combinazione di queste risorse, Nissan è riuscita a ricavare uno scarto di produzione di alta qualità. Questo, messo a disposizione dei fornitori, viene appunto trasformato in quei fogli di lamiera utilizzato per la creazione delle vetture. Un cerchio di ottimizzazione della produzione che sì, non fa bene solo al pianeta ma che si rispecchia in special modo in quest’ultimo.

Un’approccio di questo tipo permette non solo la riduzione di una gran quantità di rifiuti, ma anche minori emissioni di Co2.

Fonte: Yahoo finance

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here