Anonymous

Un collettivo internazionale di hacker, conosciuto come Anonymous, è scesa ufficialmente in campo nel conflitto Russia-Ucraina. Una serie di cyber attacchi sono stati annunciati da Anonymous, che avranno come bersaglio principale proprio Vladimir Putin. L’operazione, denominata “OpRussia”, ha preso il via qualche giorno fa con una serie di attacchi ai siti governativi russi. A rivendicarli è stato proprio Anonymous tramite il proprio account Twitter. 

“Abbiamo mandato offline i siti governativi e girato le informazioni ai cittadini russi in modo che possano essere liberi dalla macchina della censura di Putin”. 

Le parole di Anonymous

Il video, disponibile sul canale YouTube di notizie.it, recita quanto segue:

“Signor Putin, l’invasione in corso dell’Ucraina ha mostrato come il suo regime non abbia rispetto per i diritti umani, né per il principio di autodeterminazione dei Paesi vicini. Negli ultimi giorni è iniziata un’invasione su larga scala, quartieri civili sono stati bombardati e persone innocenti sono state uccise. I rifugiati stanno fuggendo dalle violenze e al popolo è stato imposto il reclutamento dal governo ucraino. La situazione è terribile ovunque e lei ne è l’artefice. Anche i cittadini che lei sostiene di voler proteggere si sono schierati contro la guerra e protestano nelle più grandi città della Russia”. Il video di Anonymous, della durata di tre minuti circa, continua così:

“Anonymous ha dichiarato una cyber guerra al suo regime aggressivo, mettendo offline nei giorni scorsi numerosi siti governativi. I siti web oscurati sono però solo l’inizio, presto conoscerà la furia degli hacker di tutto il mondo, molti dei quali probabilmente risiedono nel suo Paese. I suoi segreti non sono più al sicuro e c’è la possibilità che elementi chiave delle infrastrutture governative vengano manomessi”. E in un altro passaggio del video si sente: “Ora l’invasione dell’Ucraina, insieme alle precedenti invasioni di Georgia e Crimea, sono prova della strategia della Russia di riappropriarsi degli Stati chiave, un tempo sotto l’Unione Sovietica. L’Unione Sovietica è fallita molti anni fa e il mondo non ha dimenticato la brutalità di quel regime. Tutto il mondo le opporrà resistenza. Questa è una guerra che lei non può vincere, a prescindere da quanto potere lei pensi di avere. Noi siamo Anonymous, noi siamo una legione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here