Termini forti come “esposizione”, “vulnerabilità”, “prossimità”, “sostituzione”, “ostaggio” sono ricorrenti in ogni opera, frutto di un iter concettuale ancor prima che emotivo, che richiede un’interpretazione rigorosa ed imparziale, senza tradimenti. Alla base del progetto espositivo “Altrimenti che essere”, curato da Andrea Bruciati e fruibile, fino al 4 aprile 2015, alla GALLLERIA PIU’ di Bologna, vi è l’ottica “disturbante” dell’artista, in grado di comprendere la realtà in uno sguardo che sia scevro di omologazione, e quindi diretto alla più vera essenza delle cose. Celebrando così la diversità e l’unicità di ogni individuo.

L’esposizione raccoglie le opere di 10 artisti – italiani e stranieri -, alcuni dei quali giunti per la prima volta nel nostro Paese per prender parte al vernissage, come Patrick Angus, Joanna Piotrowska e Paul Mpagi Sepuya. Altri protagonisti della mostra sono Tomaso De Luca, Didier Faustino, Elodie Pong, Prinz Gholam, Athi-Patra Ruga, Davide Savorani e Namsal Siedlecki, i cui lavori sono accomunati tutti da una prospettiva diversamente empatica su differenti registri, costituendo un punto di arrivo, ma anche di partenza, come terreno di scambio per interventi finalizzati a comprendere l’altro:  la solitudine, l’unicità, ma anche il suo mistero e il valore del suo essere persona.

Il progetto, realizzato in collaborazione con Cassero LGBT center (la cui attività può essere seguita all’indirizzo http://www.cassero.it/ ), affronta il tema dell’alterità, in un’ottica che guarda alla sensibilità di genere. Il soggetto è interpretato in una visione di apertura e dialogo, e come tale entra criticamente in comunione con ciò che è altro da sé. Nasce così la tendenza alla distinzione – in opposizione all’omologazione della realtà -, frutto di un pragmatismo filosofico che può essere applicato sia all’arte che alla vita quotidiana, sia all’esperienza estetica che a quella pratica. Qui il processo creativo, inteso come fertile metamorfosi, si formalizza in trasformazione della vita stessa.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here