Leggiamo qualcosa…Alice in Wonderland di T.T. Sutherland

SINOSSI

È solo un sogno, Alice ne è sicura. Un sogno che la perseguita ogni notte sin da quando è bambina. E che adesso, a 19 anni, si ripete di nuovo. La buca di Bianconiglio, i fiori parlanti, lo Stregatto e il Cappellaio Matto. Niente di più. Un sogno. Eppure qualcosa è cambiato nel Paese delle Meraviglie. C’è una rivolta in corso ora, ci sono creature orribili agli ordini di una Regina Rossa dalla testa enorme, sono spade magiche e bruchi che cambiano forma. E c’è lei, Alice, l’unica in grado di salvare Wonderland. Mentre il viaggio prosegue è sempre più chiaro che questo non è solo un sogno. Che i fiori parlano sul serio, che le torte fanno veramente diventare enormi. Diventa chiaro che impossibile è possibile… anche sei volte prima di colazione. Basterà ad Alice per ritrovare se stessa? Basato sui romanzi di Lewis Carroll. Età di lettura: da 8 anni.

RECENSIONE

“A pensarci bene basta sedersi da qualche parte in silenzio. Su un prato all’ombra di un grande albero o sul muretto di un parcheggio sotto il sole. Basta avere nove anni o giù di li, e annoiarsi un poco. Chiudere gli occhi e aspettare. Quando li si riapre può capitare di vedere un coniglio bianco che passa di corsa, tutto agitato, con l’occhio fisso al suo orologio da taschino, che poi sparisce in una tana. A quel punto c’è poco da fare. Bisogna seguirlo.” (Cit. Alice in Wonderland)

Eravamo ormai abituati all’Alice del noto cartone, cartone che è stato in gran parte guardato, da noi comuni mortali, superficialmente e giudicato come semplice favola per bambini; quando in realtà è un romanzo pieno di significati, nascosti che consiglio a tutti di leggere. Alice in Wonderland, di T.T. Sutherland , non è la solita favola ispirata all’Alice di Carroll, non è solo la storia di Alice nel paese delle meraviglie e attraverso lo specchio, è molto di più. Qui non si parla più di un Alice bambina ma di un Alice ragazza all’inizio del viaggio alla scoperta di se stessa. Ovviamente se il film è bellissimo, leggere il libro ti fa immergere interamente nella storia e fa diventare i personaggi parte di te. Alice in Wonderland è una storia che tutti conosciamo ma raccontata in un modo nuovo che ci guiderà alla ricerca di noi stessi, dei nostri sogni e della nostra identità. In fin dei conti, Carroll era nel giusto, Wonderland esiste davvero, esiste per ognuno di noi e attraversarla ci aiuterà a crescere e a conoscere noi stessi.

SHARE